ANCHE AL SAN GERARDO TRAPIANTI PER I BAMBINI VENEZUELANI

AIDO associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule. SEZIONE PROVINCIALE DI MONZA E DELLA BRIANZA ONLUS www.aidomonzabrianza.it

ANCHE AL SAN GERARDO TRAPIANTI PER I BAMBINI VENEZUELANI

La Regione Lombardia si è aggiunta l’anno scorso alle altre Regioni italiane che da anni hanno accordi di collaborazione con il Venezuela per il trapianto di midollo osseo presso gli Ospedali italiani di cittadini venezuelani, in particolare bambini ammalati di leucemia. Ad oggi infatti sono stati operati in Italia oltre duecento bambini nel corso degli ultimi anni. L’accordo di collaborazione biennale sottoscritto con l’Associazione Venezuelana per il trapianto di midollo osseo e la Società Petroleos de Venezuela ha l’obiettivo di mettere a disposizione la collaborazione degli Ospedali San Gerardo di Monza, San Matteo di Pavia, Ospedali Riuniti di Bergamo ed Ospedali Civili di Brescia e l’esperienza del loro personale specialistico per effettuare fino a 44 trapianti per bambini ed adulti venezuelani ammalati. Il Centro Trapianti di midollo osseo dell’Ospedale San Gerardo, di cui è responsabile il dr. Attilio Rovelli, da anni effettua il trapianto di cellule staminali emopoietiche in particolare su bambini. Al nostro Ospedale è stato affidato l’incarico di effettuare quattro trapianti di bambini venezuelani nel biennio e di partecipare insieme agli altri tre Ospedali lombardi alla formazione di personale sanitario venezuelano in questo settore della medicina. Siamo molto soddisfatti di queste capacità che sono state sviluppate nell’Ospedale San Gerardo di Monza e come cittadini brianzoli ci sentiamo anche ben cautelati per quanto riguarda la sanità pubblica locale; inoltre siamo orgogliosi che queste eccellenze a nostra disposizione vengano messe alla portata di coloro di altri Paesi che ne sono privi o non ne hanno a sufficienza

Istituti Clinici Zucchi: Dicembre mese della prevenzione orale

AGLI ISTITUTI CLINICI ZUCCHI E’ POSSIBILE STABILIZZARE LA PROTESI MOBILE SENZA ADESIVI Un sistema dall’alto valore sociale, destinata a migliorare la vita di molti anziani. Il servizio di odontoiatria degli Istituti Clinici Zucchi dedica il mese di dicembre alla diffusione della tecnica dei mini impianti finalizzati alla stabilizzazione della protesi mobile in molti casi senza dover sostituire la protesi esistente. Il vantaggio dei mini impianti è dovuto al fatto che, con un’unica seduta e a prezzi molto contenuti, è possibile inserire, senza l’uso del bisturi e quindi in maniera del tutto indolore, un numero congruo di impianti che si prestano all’ancoraggio della protesi preesistente, rendendola stabile e confortevole e in alcuni casi permettono addirittura di poter rimuovere il palato dalle vecchie protesi aumentando di conseguenza il confort della stesse Ha dichiarato il Dott. Stefano BERNASCONI, responsabile del reparto di Odontoiatria degli Istituti Clinici Zucchi: “La carenza di osso determina spesso una fastidiosa mobilità delle protesi. I mini impianti sono caratterizzati da un diametro molto piccolo e consentono l’inserimento anche in strutture ossee riassorbite, offrendo una garanzia di lunga durata. Si tratta quindi di un’innovazione dall’alto valore sociale, poiché risolve una problematica che può condizionare profondamente la vita sociale di tutti coloro che hanno una protesi dentale mobile”. Nel mese di Dicembre 2012 gli specialisti del Servizio di Odontoiatria saranno a disposizione per offrire la possibilità di un consulto gratuito a tutti i pazienti interessati. Per informazioni 039.83.83.544 (dal lunedì al venerdì 08:00-19:00)

la 5° giornata nazionale SLA In più di 100 piazze italiane

In occasione della quinta Giornata nazionale dedicata alla Sclerosi Laterale Amiotrofica il 7 ottobre AISLA Onlus sarà presente in oltre 100 piazze italiane per raccogliere fondi a favore di un progetto di counselling per le famiglie di pazienti SLA.
Dal 30 settembre al 14 ottobre parte l’SMS solidale da fisso e cellulare al 45505.

Milano, 27 settembre 2012 - Il 7 ottobre si celebra in oltre 100 piazze italiane la Giornata Nazionale dedicata alla SLA, promossa da AISLA Onlus in ricordo del primo sit-in dei malati a Roma nel 2006 in cui vennero avanzate al Ministero della salute precise richieste per la difesa della cura e dell’assistenza ai malati di SLA.
AISLA Onlus sarà presente grazie a centinaia di volontari per promuovere la campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi “Quello buono” sostiene la ricerca a favore di un progetto di counselling rivolto alle famiglie di pazienti SLA.
Dal 30 settembre al 14 ottobre, inoltre, con un SMS solidale o con una chiamata del valore di 2 o 5 euro al 45505 sarà possibile dare un ulteriore contributo.
La giornata è alla sua quinta edizione e ha ricevuto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Associazione Nazionale Comuni Italiani ed è in collaborazione con la Camera di Commercio di Asti, Provincia di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Consorzio Tutela Vini di Asti e del Monferrato e con il patrocinio del Comune di Milano.

In Lombardia Aisla Onlus sarà presente in 17 piazze:

·      Asola (MN), piazza XX settembre

·      Bedizzole (BS), Località al mulino
·      Bornato (BS), sagrato Chiesa (29 e 30 Settembre)
·      Borno (BS), località Dassa “Edilpartì” (29 e 30 Settembre)
·      Brescia, Incrocio Corso Palestro – Corso Zanardelli (29 e 30 Settembre)
·      Breno (BS), Piazza principale
·      Brignano Gera D’Adda (BG), Palazzo Visconti via Vittorio Emanuele/via Dell’Innominato
·      Chiari (BS), Piazza principale
·      Como, Via Boldoni (Sabato 6 Ottobre)
·      Cremona, Ospedale di Cremona – atrio principale
·      Gallarate (VA), Piazza Libertà
·      Gravedona (Como) – Piazza Ciceri – Lungolago
·      Milano, Via Mercanti ang. Via del Gallo
·      Monza, Via Italia (di fronte alla Rinascente)
·      Solaro Villaggio Brollo (MI), Via Della Repubblica (di fronte alla chiesa della Madonna del Carmine)
·      Sondrio, Piazza Campello ingresso galleria Campello
·      Varese, Piazza Carducci

LA CAMPAGNA
“Quello buono” sostiene la ricerca
 è il titolo della campagna di Aisla che vede impegnati centinaia di volontari in oltre 100 piazze italiane, il doppio rispetto alla prima edizione del 2008. In ognuna di esse i volontari AISLA distribuiranno una bottiglia di vino Barbera d’Asti DOCGcreata per l’occasione in edizione limitata a fronte di un contributo di 10 euro e saranno a disposizione per fornire informazioni sull’attività dell’Associazione.

IL PROGETTO
I finanziamenti raccolti sosterranno uno studio biennale il cui obiettivo è elaborare un modello di counselling clinico-genetico specifico per il paziente con grave malattia neurodegenerativa come la SLA, non escludendo ulteriori possibili applicazioni ad altre malattie neuromuscolari. Inoltre, lo studio permetterà di aumentare e migliorare i dati clinici e genetici raccolti in un database dedicato utile per la ricerca delle correlazioni tra modalità di espressione della malattia (modalità di esordio, aggressività, velocità di progressione, tipo di diffusione, etc.) e i risultati genetici ottenuti. Il coordinamento del progetto sarà affidato a Massimo Corbo direttore clinico del Centro Clinico NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) presso l’Ospedale Niguarda Ca’ Granda, centro dedicato allo studio e alla cura delle Malattie Neuromuscolari.

L’SMS SOLIDALE
Il contributo sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce, Tiscali e Nòverca e di 2 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT e di  2 o 5 euro per ciascuna chiamata fatta sempre al 45505 da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali.